2-08-2016
TERRACINA - Un Grande Fratello di altissima tecnologia che renderà il territorio meno soggetto ai reati, sia quelli di natura ambientale, discariche abusive e roghi sospetti solo per fare qualche esempio, sia quelli direttamente collegati a fenomeni di criminalità. 25 punti di ripresa, 108 telecamere accese h24, 1 centrale operativa con 8 monitor presso l'ex tribunale (dove si trasferirà la polizia locale), 1 postazione di ripresa mobile, 4 unità di lettura targa agli accessi della città: sono i numeri principali del sistema di sicurezza territoriale che ieri mattina è stato presentato dal sindaco Nicola Procaccini, con l'assessore all'Ambiente Emanuela Zappone, il consigliere comunale Sergio Meneghello e i responsabili della Selcom Srl di Casavatore, la ditta che si è aggiudicata l'appalto. Un progetto che, come ha ricordato il sindaco, la città aspettava da troppo tempo e che senza la sfiducia del maggio 2015 sarebbe stato già realtà. Invece tutto è slittato e i cittadini hanno dovuto attendere ancora per sentirsi meno insicuri, ma adesso l'amministrazione comunale sta per agguantare l'ambizioso risultato. «Il progetto che abbiamo sviluppato copre la città con un'estensione che può essere considerata tra le più capillari del Lazio- ha dichiarato Massimo D'Esposito, amministratore della Selcom. Andando nei dettagli più tecnici del progetto, basato su un software realizzato da una sturt up italiana innovativa (Integra Solutions), le telecamere hanno gli stessi standard di quelle usate in tv capaci di un'immagine ad altissima definizione. Ogni punto di ripresa è da intendersi come un'area dove verranno sistemate più telecamere contemporaneamente a seconda di quanto sia sensibile la zona: in piazza della Repubblica, per esempio, luogo della movida del fine-settimana, sono previsti 7 occhi elettronici. Il sistema trasportabile sarà una sorta di jolly, da spostare anche ogni giorno e usare in quei punti che al momento sono esclusi (per esempio Frasso e il cuore delle Capanne) ma che l'amministrazione spera di poter integrare presto partecipando a un nuovo bando. A gestire il tutto sarà la polizia locale, l'unica ad avere accesso nella centrale operativa. I lavori inizieranno a settembre e le telecamere verranno azionate in progress, per essere tutte accese entro la fine dell'anno. Per due anni la manutenzione sarà a carico della Selcom.

Fonte: Il messaggero